www.retegeofisica.it
   16/09/2014
Contatti Link FAQ

Dove siete: FAQ > VS30
Ciò che potete fare voi
1
clik
clik
clik
clik
clik
clik
clik
   
Assistenza e garanzia
1
clik
clik
clik
clik
   
Le nostre attrezzature
1
clik
clik
clik
clik
clik
clik
   
Considerazioni economiche
1
clik
clik
clik
   
Il trasporto
1
clik
clik
   
Per i più esperti
1
clik
clik
   
VS30

Quale metodologia sismica è più adatta per il calcolo del parametro Vs30?


Le prove Vs30 che utilizzano le onde superficiali, sono dei test complessivi dei terreni sottostanti la stesa e forniscono una stratigrafia monodimensionale  molto meno precisa di quella ottenibile con prove a rifrazione o Down-Hole, ma più che sufficiente per ricavare un preciso valore di Vs30.  Le prove sismiche a rifrazione restituiscono una sezione stratigrafica che fornisce informazioni geometriche molto più complete ma queste  informazioni sono limitate all’ultimo rifrattore relativamente veloce. E’ quindi facile che, in terreno alluvionale, il primo rifrattore “veloce” sia piuttosto superficiale e che il successivo rifrattore ancora più veloce sia troppo profondo e/o dotato di scarso contrasto di velocità col sovrastante (appena più veloce). Quindi le informazioni fornite dalla sismica a rifrazione spesso sono limitate ai primi metri di terreno anche se le stese sono lunghe più di 100 metri. Gli strati lenti sotto gli strati veloci (inversioni di velocità)  non sono rilevabili né con la sismica a rifrazione con onde compressive (geofoni ed energizzazioni verticali) né con quella ad one trasversali (SH – geofoni ed energizzazioni orizzontali ). Vi è poi un problema legato all’energia sismica. Con i mezzi usuali (cannoncino sismico) è ben difficile superare le profondità di indagine di 20 metri da p.c. se non in condizioni di rumore ambientale estremamente ridotto. Le prove sismiche con onde superficiali rilevano inversioni di velocità
 

Quindi la nostra esperienza porta a consigliare:

  • Utilizzare la sismica a rifrazione a onde P solo per studiare la roccia e la sua copertura ed evitarne l’uso in terreni alluvionali ove un’indagine geoelettrica 2D ottiene migliori risultati e raggiunge maggiori profondità. Inoltre è davvero da non utilizzarsi in presenza di falda.
  • Utilizzare la sismica a rifrazione a onde S per il calcolo del Vs30 in presenza di roccia entro i 10-15 m, quindi su topografie non piane e in terreni non alluvionali, eventualmente associata alla prospezione a onde P. Utilizzarla in sostituzione completa della prospezione a onde P in presenza di falda.
  • Utilizzare le prove MASW per il calcolo del parametro Vs30 in terreni alluvionali, ragionevolmente piano paralleli, evitando di filosofare troppo sulla stratigrafia ottenuta. Evitarne l’uso in terreni non alluvionali.
  • Utilizzare le prove Re.Mi per il calcolo del parametro Vs30 nelle medesime condizioni delle MASW ma solo dove le MASW non riescono ad operare a causa di un rumore ambientale eccessivo. Si deve tener conto del fatto che le prove MASW sono molto energetiche e quindi in grado di operare anche in presenza di un rumore di fondo abbastanza elevato. L’interpretazione delle prove Re.Mi. è molto a discrezione dell’operatore e quindi si preferisce evitarne l’uso se non in caso di effettiva necessità.
  • Utilizzare le prove in foro Down-Hole se sono presenti dei sondaggi o se gli spazi e le condizioni sono tali da impedire l`acquisizione di stese sismiche in superficie (es: in un cortile interno di un edificio un un centro storico)
 
Tecniche
 
Sismica a rifrazione
MASW
Tomografie elettriche
Geofisica in foro
Elettromagnetometria
Georadar
Tomografie sismiche
Sismica a riflessione
Magnetometria
Gravimetria
Collaudo discariche
Monitor. discariche
Potenziali Spontanei
S. E. V.
Vibrazioni
   
Applicazioni
 
Perforazioni sicure
Captazione sorgenti
Frane e conoidi
Substrato roccioso
Edilizia
Ex siti industriali
Residuati bellici
Fusti e cisterne
Cavità e cunicoli
Verifica di vibrazioni
Ricerca d´acqua
Ponti e briglie
Strade
Canali
Gallerie
Geotecnica
Aree inquinate
Discariche
Cave e miniere
Archeologia
Mappatura servizi
Geotermia
   
Servizi speciali
 
Revisione relazioni
Redazione capitolati
   
 
Copyright © 2006 retegeofisica.it - tutti i diritti riservati -

Web Agency Consulweb